02 Mar

L'importanza della cura dei denti decidui (o da latte) e permanenti

Le arcate dentali sono strumenti tipici di tutti gli esseri dotati di colonna vertebrale, quindi compresi anche gli esseri umani. Quest'ultimi, raggiunta l'età adulta, presentano il numero di trentadue denti all'interno del cavo orale (bocca). Nel corso della vita umana si incorre in un processo di dentizione che attraversa diverse fasi: nell'infanzia si troveranno infatti i denti decidui (comunemente detti da latte) che dopo alcuni anni lasceranno il posto ai denti permanenti che, in teoria (salvo problematiche di salute del sorriso), dovrebbero accompagnarci per tutta la vita.

 

 

quando-spuntano-i-denti-da-latte1                                  

                                              

                                          I denti da latte sono da curare?

I denti da latte sono importantissimi, in quanto sono gli strumenti con i quali si impara a mangiare, parlare e sorridere. Sono inoltre utili a dare importanti informazioni sullo sviluppo maxillo- facciale, che caratterizzerà l'individuo. I primi denti decidui spuntano verso i sei mesi di vita: i primi a farsi strada nell'arcata dentale sono gli incisivi inferiori, fondamentali per incidere gli alimenti. A stretto giro seguono quelli dell'arcata superiore e in seguito tutti gli altri denti entro il compimento del secondo anno di età. Per un corretto sviluppo della salute orale dei fanciulli è fondamentale il lavoro dell'odontoiatra, più nel dettaglio la figura del pedodontista (dentista che cura solitamente i bambini). E' altresì fondamentale la sinergia con l'ortodontista, il quale si occupa della malocclusione dentale. Tale problematica in molti casi si può risolvere grazie anche al lavoro del logopedista come quella dell'igienista, fondamentale per l'insegnamento di una corretta igiene domiciliare.

 

schema-dentatura-denti-permanenti

                       

L'importanza della cura dei denti definitivi (o permamenti)

 

I primi denti da latte e quelli permanenti ci vengono "forniti" dalla natura e sta a noi curarli al meglio. Ciò può avvenire a mezzo visite periodiche, un buon comportamento alimentare che evitino il danneggiamento meccanico e chimico (con un consumo moderato di bevande dal ph acido ed eventuali zuccheri comuni) dello smalto e della struttura dentale: per intenderci le noci e le bottiglie si spaccano e si aprono con gli appositi strumenti e non con i denti, in quanto il buonsenso dovrebbe (il condizionale è d'obbligo) farla da padrona. Gli incisivi servono per incidere gli alimenti, i canini per strappare e premolari e molari per triturare gli alimenti. Insieme alla saliva compongono il bolo alimentare, la prima forma di digestione.

 

ACO Dental

© Riproduzione riservata