30 Mar

Detartrasi o abalazione del tartaro

Questa terapia odontoiatrica è propedeutica alla prevenzione della salute del cavo orale. In dettaglio la detartrasi è un tipo di cura odontoiatrica preventiva, mirata alla rimozione della placca batterica. La placca è costituita da residui alimentari ed enzimi salivari, i quali contengono batteri: se non rimossi quotidianamente, quest'ultimi si calcificano, creando uno strato duro dal colore giallognolo comunemente chiamato tartaro.

 

tartaro-1280x720-1

Generalmente l'ablazione del tartaro è consigliata ogni sei mesi, salvo diverse indicazioni dell'odontoiatra o igienista dentale. Tale figura professionale ha la responsabilità di seguire il paziente dall'inizio della terapia sino alla sua conclusione, con il preciso scopo di garantire la più lunga e corretta funzionalità della riabilitazione. Se il tartaro si accumula in modo eccessivo o non viene rimosso può portare a gravi infiammazioni e, di conseguenza, alla perdita dei denti. I batteri che circolano nel cavo orale possono anche portare ad una serie di complicazioni a livello cardiaco e renale. La detartrasi non è un tipo di cura dolorosa: sicuramente può dare un certo fastidio che viene però attenuato dal dentista mediante anestetico ( nei casi di ipersensibilità al dolore) che però non va confuso con il fastidio. Nel nostros tudio solitamente tutta la procedura richiede all'incirca sessanta minuti, con applicazione di fluoro atta a mineralizzare i denti. Per ogni eventuale informazione contattateci allo 011/4335573, il nostro staff è a vostra disposizione.

ACO Dental 

© Riproduzione riservata